Atlantic

Paesi baltici: Perché c’è ancora timore per la sicurezza?

Un aereo russo sorvola il ponte del cacciatorpediniere Usa e… di Jil Teuton

La notizia in altre parti del globo avrebbe un rilievo molto ridotto: un aereo russo per il pattugliamento marittimo ha sorvolato il ponte del cacciatorpediniere Usa Jason Dunham della flotta Nato nel Baltico, a soli 150 metri d’altezza, che per un aereo sono davvero niente. Con la nave americana c’erano altre tre navi, una britannica, una tedesca ed una francese. Poiché ultimamente si sono verificati molti episodi simili, definiti vere e proprie “provocazioni” da parte americana, il Comando Nato ha fatto predisporre delle videocamere per documentare gli incidenti sempre possibili e le già citate provocazioni

Perché nella zona baltica un episodio del genere desta tanta preoccupazione? I Paesi Baltici (Lituania, Lettonia ed Estonia) hanno riacquistato la propria libertà ed indipendenza pochi decenni fà, ossia quando con Gorbaciov ci fu un allentamento del dominio sovietico in tutta l’Europa dell’Est. Se si legge il libro “Anime Baltiche” del giornalista olandese Brokken, si capisce quanta sia stata la sofferenza di questi popoli, nella cultura, nella politica, nell’economia, nella vita di ogni giorno, colonizzati da un popolo estraneo, i russi, i quali avevano imposto una rigorosa dittatura che sottoponeva a controllo tutti i cittadini. Brokken, davanti agli ambasciatori dei tre Paesi Baltici, ha fatto suonare anche delle composizioni strazianti che descrivevano prima l’occupazione tedesca e poi quella sovietica. La Lituania, del resto, qualche mese fa ha celebrato a Roma il venticinquennale della propria indipendenza e chi ha avuto il privilegio di partecipare alla cerimonia ha potuto capire quanto la libertà sia preziosa per loro.

Ecco che quindi anche il sorvolo di un solo aereo russo, in un momento il cui è stata occupata la Crimea e si sono fatte ribellare le regioni a maggioranza russa dell’est – Ucraina, ed in cui, oltretutto, i rapporti tra Usa ed Russia non sono certo idilliaci, può provocare timore a questi europei come noi, che hanno avuto la sfortuna di essere schiavi per più di mezzo secolo e che non hanno alcuna intenzione di ricadere nel terrore. Ecco perché chiedono armi, soldati e missili alla Nato, ed agli Usa in particolare e, con tutta la prudenza che bisogna avere in queste occasioni, bisogna capire chi preferirebbe la morte ad una nuova tirannia.

Jil Teuton

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...