News

L’Arte a Palazzo: Dai Tintori ai Battiloro, tra storia ed innovazione

2a  rassegna internazionale d’Arte contemporanea, Palazzo Bastogi, sede del Consiglio regionale della Toscana, sala delle Collezioni, Via Cavour n. 18.

Porta i saluti di benvenuto il Presidente del Consiglio regionale della Toscana, Eugenio Giani. Interverranno alla cerimonia di inaugurazione che si terrà il 21 Luglio, h. 12,00 il Prof. Emidio Di Carlo (critico d’arte), il Cav. Angelo Fortunati (Presidente Afad Terni),  l’Arch.to Marco Turilli, (Presidente “Un volo per Anna” Onlus), la dott.ssa Stefania Montori (curatrice Eventi), il M° Massimo Bigioni (Presidente Aion Arte ed artista).

La mostra rappresenta un momento di riflessione del lavoro svolto dall’Associazione in merito alla funzione in generale dei colori e di ciò che hanno rappresentato nel passato. A quali fiorenti economie hanno dato vita e ciò che di esse, sono presenti , oggi e in un prossimo futuro. Quindi è stata realizzata una prima ed. con la tematica del rosso, che si è, addirittura,  sostantivizzata con Giovan Battista Jacopo di Gasparre, in “Rosso arte_palazzo02Fiorentino”, al “Nero d’autore”, per giungere ora all’”Oro” con i “Battiloro”, al colore che per gli Inca era “il Sangue del Sole”, ovvero il simbolo dello Spirito universale nella sua esaltante purezza.(Prof. Emidio Di Carlo). Colore di grande importanza, che ha generato addirittura un progetto di Leonardo da Vinci, il “Maglio Battiloro” custodito presso il Museo della Scienza di Milano. L’oro, ha rappresentato un vero cruccio, non soddisfatto degli alchimisti che non sono riusciti a riprodurre fedelmente il colore oro, ed  ha visto il diffondersi di varie tecniche per l’utilizzo del metallo prezioso, che in lega poteva essere fuso insieme al mercurio, poi assottigliato in lamine ed essere, così usato.

Lo studio comunicativo dei colori, ha portato l’unione e la comunione di intenti,  l’Ass.ne Aion Arte e l’Associazione Afad di Terni, con i  suoi 5 laboratori didattici/artistici, per diversamente abili. Ciò,  ha permesso di capire, con grande soddisfazione e sorpresa di tutte le parti in causa, ai professionisti del settore, (…“ma non abbiano scoperto niente di nuovo”, dice il Presidente Cav. Angelo Fortunati),  che l’arte è uno linguaggio comunicativo, assolutamente primario. Una giovane donna, ospite del centro diurno, priva di un qualsiasi strumento comunicativo, apparente, con il mondo esterno, attraverso un pennello/colore , ha realizzato un dipinto con soggetti e colori reali. La ragazza comunicava il suo “sentire” attraverso i colori e l’arte,  che Lei riferisce, arrivando a realizzare dipinti degni di far parte di una mostra collettiva che si è tenuta in Maggio, per i festeggiamenti ritiani in onore di Santa Rita da Cascia.

Arte a palazzo, inoltre, sta a significare Architettura, sottolineata anche dalla biennale di Venezia di architettura 2016, di attuale, sostenibile, con un’attenzione particolare all’ambiente, utilizzabile al meglio e a renderlo prezioso, con l’oro ed opere d’arte in generale, per definire il design e le strutture edilizie.

Nasce così il legame con Ingegneri/architetti, l’Ach.to Marco Turilli, e l’Ordine cui egli rappresenta. I ”Battiloro” hanno rappresentato coloro che lavoravano la materia  preziosa al servizio della collettività e della bellezza. Così, oggi l’architettura è la disciplina che consente di trasferire dal design della città, l’idea del bello, per realizzare un prodotto eticamente sostenibile, in quanto fruibile da tutti, accessibile ed accogliente. Ciò che rappresentava un modello antropometrico perfetto dell’individuo adulto e sano proposto in altri tempi da Vitruvio, Leonardo da Vinci, o Le Corbusier si va sempre più, sostituendo alle esigenze e caratteristiche dell”Uomo reale”, dell’individuo, che durante l’arco della vita necessita di utilità e servizi che richiede all’ambiente che lo circonda. E  il superamento delle barriere architettoniche, non rappresentano solo un vincolo di legge, necessariamente presente, utile  ma di non gradevole aspetto, lasciano il posto ad opere e progetti, con il gusto del bello e del prezioso. Ciò, non rappresenta solo belle parole ma fatti, con progetti realizzati presso la città di Narni, (Tr) e proposte già finanziate per la città di Terni.

Alla mostra sono presenti 36 artisti:  Bacci Gianluca, Barbuto Antonio, Bigioni Massimo, Bord Severine, Brindisi Antonella, Calzolari Marina, Capoccia Valerio, Carmignani Marianna, Cea Rosa Rosella, Cintio Giacomo, Cipolletti Adriano, De Angelis Benedetto, Fainelli Rolando, Flavoni Emanuele, Furlan Gabrielle, Gonzales Francisco Javier Flores, Governatori Stefania, Leclerc Vincent, Leonardi Stefania, Liguori Pasquale, Lobeira Dominik, Mattei Diego, Medorini Aldo Claudio, Mendicino Roberto, Mi kiè, Moretti Rossana, Morini Fabrizio, Opera a più mani laboratorio il Girasole, Paladino Giorgia, Pianosi Marsilio, Pozzi Paolo, Rellini Roberto, Spagnuolo Lucia, Tarli Gianni, Valan (Antonio Valentini), Zelli Antonio. All’interno del catalogo, realizzato per la mostra, l’apertura alla visione delle opere, viene affidata al poeta e scrittore Rolando Mendicino, come solito dell’Associazione Aion arte che non tralascia mai sottolineare il potere della poesia, in analogia con le emozioni che suscitano, la visione, delle opere d’arte.

Ognuno, attraverso la sua arte, ha espresso il valore e il significato del colore oro, della luce, della figurazione visiva misurata dal  grado di luminosità, di ricerca della profondità che il colore stesso ha rappresentato nel passato e che oggi riecheggia come antico splendore. Della stessa preziosità che simboleggiava il divino o un omaggio al Divino,  che oggi è Arte, a prescindere. Dove, in passato, erano le commissioni di ricchi mecenati che hanno dato vita a grandi opere, ancor oggi conservate, all’autofinanziamento che oggi fanno gli artisti, investendo in loro stessi (M° Massimo Bigioni).

Un plauso speciale va al Presidente Eugenio Giani, padrone di casa, che attraverso l’Arte, la sua sensibilità  al “Bello”, promuove e da spazio, agli artisti e a coloro che credono che l’Arte salverà il mondo. Il suo “peregrinare”, attraverso, le città e i borghi della regione Toscana, finalizzato al recupero sostenibile di antichi splendori architettonici e murari, intrisi di storia e vicissitudini, ne fa un valente ambasciatore di Arte, nel mondo.

Elena Montori

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...